Monumenti storici locali Stampa
Ponte dei Salti – Lavertezzo Valle

ponte

Ponte dei Salti – Lavertezzo Valle[1]

Il ponte a due archi, in stile romano, edificato sulla Verzasca a Lavertezzo e assicura l’accesso alla sponda destra della Valle. Nel lontano 1868, venne semidistrutto con l’asportazione dell’arco destro a causa del logorio delle acque della Verzasca in piena, contro l’imposta destra, appoggiata su di una roccia fessurata e marcia in superficie.

L’arco distrutto venne poi sostituito con un ponticello in legno e successivamente con uno in ferro, quest’ultimo rovinato a valle con l’alluvione dell’agosto 1951 perché gettata ad un’altezza insufficiente e su di una pila provvisoria debole.

La ricostruzione del manufatto, provvisoriamente sistemato con una passerella in legno, è indispensabile perché non c’è altro raccordo colla sponda destra del fiume, ove esistono fabbricati e terreni.

 

[1] Fonte dati – Relazione tecnica e prospetto redatto dallo studio tecnico eredi fu Geom. L. Biasca, Locarno, ottobre 1956

 

 

 

 

Sasso Fenduto
SF Questo roccia di ca. 25 mc, adagiata su un terreno aperto, ha una caratteristica singolare, ossia “fendü” (spaccata) che dà il nome alla frazione. Questo macigno è un unicum nella regione.
Töpia
TOP
I vigneti a Lavertezzo Piano occupano una porzione importante della collina. Essi costituiscono elementi paesaggistici forti, che caratterizzano in maniera importante il territorio comunale. Questa zona esposta a sud si presta infatti alla coltivazione viticola.

Fra questi anche il vitigno a “töpia” con vite Merlot di proprietà del Comune che ricopre un sentiero pedonale dalla lunghezza di 150 m. La produzione viticola annua si attesta a 600 kg. La töpia é a copertura dell'unico tratto rimasto della vecchia carrá (carraia), che dalle Gaggiole portava a Montedato